Gare letterarie durante i pellegrinaggi

 

Dal pellegrinaggio a Canterbury è nata l’idea al pellegrino “Frà mi sforzo” (al secolo Alfredo Montefusco) di “far sforzare” i pellegrini oltre cha a caminare, anche in una “tenzone letteraria”. Così nel 2010 abbiamo avuto il concorso del Lonfo, mentre durante il pellegrinaggio 2011 il concorso delle ninne nanne. Eccone gli eccellenti risultati.

 

 Concorso del Lonfo

Partendo dalla poesia metasemantica di Fosco Maraini “IL LONFO”, si è trasformata a piacere cercando un senso compiuto.

Riportiamo  di seguito la poesia originale e le prime tre versioni classificate, più il premio della critica detto “Premio Manzotin” (perché premiato con un’ingente gratifica in euro nonché un’ambitissima scatoletta di manzotin)

 

IL LONFO

(Poesia metasemantica di Fosco Maraini)

 

Il Lonfo non vaterca né gluisce e molto raramente barigatta, ma quando soffia il bego, a bisce a bisce sbilenca un poco, e gnagio si archipatta.

E’ frusco il Lonfo è pieno di lupigna, arrafferia malversa e sofolente, se cionfi ti sbiduglia e ti arrupigna, se lugri ti botalla e ti criventa; eppure il vecchio Lonfo, ammargelluto che bete e zugghia e fonca nei trombazzi fa legica busia e …..fa gisbuto e…. quasi quasi in segno di sberdazzi gli affarferesti un gniffo….ma lui…. zuto…..ti alloppa, ti sbernecchia e tu…l’accarezzi.

 

 

Il LONFO

(1° classificato)

Il Lonfo è un buon pastore che gluisce

e le sue pecorelle barigatta,

ma quando soffia il bego a bisce a bisce

lui le sbilenca tulle e le archipatta.

E’ buono il Lonfo e pieno d’attenzione,

ma la mattina è sempre incazzereccio

e se ritardi becchi il cazziatone,

se poi cammini troppo ti malversa;

se ti fermi sbiduglia e ti arramazza,

me se sbagli maglietta non c’é versa

ti guarda male e prima o poi si incazza.

 

Frà Ippocrate da Lucca (al secolo Aldo Mencarini)

Nota del trascrittore: ovviamente il Lonfo qui  adombrato altri non è che Frà Bivio.

 

 

IL LONFO ( Il piede del pellegrino)

(2° classificato ex aequo)

 

Il Lonfo non vacilla né oscilla e molto raramente s’impantana,

ma quando sfili il calzino, a poco a poco sbilenca un po’, e mogio s’arriposa.

E’ cotto il Lonfo è pieno di vescica, spellacchieria malposta e puzzolente,

se inciampi ti sbilancia e ti incasina, se scivoli ti sbatacchia e ti arroventa;

eppure il vecchio Lonfo affaticato che spinge e salta ed entra nelle fratte fa logica abrasione

e…va a rinfuso….che quasi quasi in segno di di sberleffo gli arrafferesti un dito…ma lui…

furbo…ti impietosisce, ti intenerisce e tu…..l’accarezzi.

 

Frà Nando (al secolo Fernando Visione)

IL LONFO

(2° classificato ex aequo)

 

Il Lonfo non indugia né barcolla e molto raramente molla, ma quando soffia il vento, passo passo rallenta un poco, e ligio si controlla.

E’ determinato il Lonfo, è pieno di energia, nascosta e tenace volontà; se rallenti ti incoraggia e ti spinge, se t’arrendi ti afferra e ti costringe; eppure il vecchio Lonfo affaticato che geme e suda e nei sentieri arranca, fa anche sentita penitenza e….. fa fioretto e….quasi quasi in segno di sostegno gli allungheresti un buffetto….ma lui indomito…ti sorride, t’addita la via e tu ….segui la sua scia.

 

Sorella Dinella (al secolo Anna Maria Castrucci)

 

 

IL LONFO

(Premio Manzotin)

 

Il lonfo ha forti terga e non gruisce, ma spesso e volentieri si arrabatta; ma quando soffia il greco va in ambasce, sbianca un pochetto e adagio, si compatta.

E’ brusco il lonfo e di indole maligna, spavalderia perversa ed insolente, se ronfi lui ti artiglia, brutta ghigna, se impigri ti controlla e poi si avventa; eppure il vecchio lonfo, ben pasciuto, che pete e mugghia e stronca i tuoi sghignazzi, fa magica pazzia e… fa l’astuto che quasi quasi, lasciando i tuoi sollazzi, gli aggiusteresti il niffo, ma lui…arguto, ti sgroppa, ti sternecchia e tu ….l’ammazzi.

 

Suor Betty (al secolo Lia Luchi)

 

 

 

Concorso delle Ninne Nanne

 

I pellegrini hanno trascritto e declamato vecchie ninne nanne, oppure ne hanno realizzate di nuove. A fine pellegrinaggio ce ne sono pervenute altre. In alcuni casi lo scritto è mancante di firma, in altri i valutatori per dare un giudizio imparziale hanno cancellato la firma, che perciò è illeggibile.

 

 


 

Ninna Nanna Originale Calabrese

Riportata da Silvana Cuzzocrea (1°Classificato ex aequo)

 

Dormiti beddha dormiti ch’è ura

li beddhi comu a vui dorminu a st’ura.

Dormiti beddha mia faccia di rosa

si vui dormiti la mamma riposa.

Dormiti vui amuri di la mamma

chi cu vi ama di cori nun v’inganna.

Dormiti beddha dormiti ora

li beddhi comu a vui dorminu ancora.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ninna Nanna Calabrese

Scritta da Teresa Iorio

(1°Classificato ex aequo)

 

Chista canzoni mi nasci ru cori

a ninna nanna pu lu me amori

 

rormi fighiuzzu, rormi piccino

ca a tò mamma ti resta vicinu

 

rormi tesoru, rormi angiolettu

sta stella che brilla illumina u lettu

 

sorridi stu figghiu, sorridi sta rosa

e na carezza su u labbru si posa

 

e mentre ti canto sta ninna nanna

tu m’assorridi e fai la nanna

 

rormi figghiuzzo picculu sciuri

figghiu u cielo, figghiu i l’amuri


 

 


 

Ninna Nanna della nuvola bianca

Riportata da Fiorello Cataldi (2° Classificato)

 

Tu sei la nuvola, io sono il vento,

Ti porto lassù per farti contento.

Vai dietro al monte nuvola bianca,

perché hai sonno, perché sei stanca.

Stai coperto dammi le mani, dormi

tranquilla fino a domani.

L'Angelo azzurro ti veglierà

con la mamma ed il papà.

Dormi tranquilla nuvola bianca,

perché hai sonno, perché sei stanca.

L'Angelo azzurro ti veglierà ,

tu sei l'amore di mamma e papà.

 

 

Ninna Nanna

Riportata da Giuseppina Salvadori, avendola ascoltata dalla zia Costanza Paoli (3° Classificato)

 

Fa la ninna, fa la nanna

fra le braccia della mamma,

ninna nanna ninna nà

fra le braccia del papà.

Sogna un mondo tutto bello

dove l’uomo è tuo fratello,

le stelline di lassù,

strizzan l’occhio e fan cucù.

Dormi dormi mio tesoro

sogna gli angeli che in coro

cantan tutti in bella festa,

aspettando che tu cresca;

bello e buono e ancor di più

come fu il Bambin Gesù.


 

 

 


 

Ninna Nanna del Pellegrino

Senza nome

 

Ninna nanna

ninna nanna

poggia il capo il pellegrino:

boschi ombrosi

verdi prati

grandi fiori colorati

e Morfeo che l’accompagna

ninna nanna

ninna nanna.

 

 

Ninna Nanna

Francesca Civile

 

Ninna oh ninnaoh

questo bimbo a chi lo dò?

Se lo dò alla Befana

se lo tiene una settimana

Se lo dò all'Uomo Nero

Se lo tiene un anno intero.

Se lo dò al Pellegrino

se lo attacca al bordoncino!

Ninnananna, girotondo,

se lo porta per il Mondo!


 

 

 

 


 

Ninna Nanna

(firma illeggibile, Liliana Modena?)

 

Maria lavava

Giuseppe stendeva

Il bimbo piangeva dal freddo

che aveva.

Perché piangi o figlio che ora

ti piglio.

La neve sui monti scendeva

pian piano.

Maria col suo velo copriva

……Gesù!

 

 

Ninna Nanna

(firma illeggibile)

 

Un giorno all’improvviso

la luna si stancò

di guardare il mondo di lassù

prese una cometa il viso si velò

per le vie del cielo se ne andò

sorpresa fu che la bianca distesa

non fosse neve erano solo sassi

i piedi si ferì

per affrontare il mondo a piedi nudi non si può

piangendo di nascosto fino in cielo

a spiare il mondo ritornò.


 

 

Ninna Nanna

(Lia Luchi)

 


 

Fai la Nanna amore bello

che nel sonno c’è un castello

con tre mici alla finestra

e una piccola canestra

dove sette topolini

fan la Nanna sui cuscini.

 

Fai la Nanna fiorellino

che nel sogno c’è un giardino

pieno zeppo di alberetti

da cui pendono confetti

e lunghissimi festoni

di canditi e di torroni.

 

Fai la Nanna mio tesoro

che di angioli un bel coro

ti accompagni fino a giorno.

E sul bordo del lettino

c’è un angelo piccino

che ti attende per vegliarti

col sorriso birichino


 

 

 

Stella Stellina

(due versioni della stessa ninna nanna, cambia il finale, entrambe non firmate)

 


 

Stella stellina

la notte si avvicina

la fiamma traballa

la mucca è nella stalla

la mucca col vitello

la pecora con l’agnello

la chioccia coi pulcini

 

  

 ---finale 1---

 

la gatta coi gattini

la capra ha il suo capretto

la mamma ha il suo bimbetto

ognuno ha la sua mamma

e tutti fan la nanna

ninna nanna ninna nanna.

     ---finale 2---

 

la mamma coi bambini

ognuno ha la sua mamma

e tutti fan la nanna

 

 


 

 

 

 

nanna nanna o nanna

(Ivana e Vinicio)

 


 

Nanna nanna o nanna

una storia ti narrerò

A  come armatura

B  come bravura

C  come canaglia che in questura andrà

D  come diamante

E  come elefante

F  quel furfante che in questura andrà

G  c’è tanta gente

H  non c’è niente

I  immediatamente

alla L passerò

L   l’animale

M  meno male

N   è Natale

I     incontriamo l’orso

P    come Pinocchio

Q   questo marmocchio che stasera abbraccerò

R    come Roma

S    come strada

T    tutte le strade che a Roma porterò

U   che bella storia

V    ti ho raccontato

Z     ho tanto sonno e a letto me ne andrò

        sotto le coperte tutte le parole

 fanno capriole e una fiaba sognerò.


 

 

 


 

 

 

 

 


 

 


 

Ninna Nanna

(firma illeggibile, Luciana Tarchiani?)

 

Ninna nanna ninna oh !

questo bimbo a chi lo do?

Se lo do alla Befana

me lo tiene una settimana.

Se lo do al lupo nero

me lo tiene un anno intero.

Se lo do al lupo bianco

 me lo tiene tanto tanto.

Ninna nanna ninna oh

questo bimbo a chi lo do!!

Serra, serrante…

(firmata:   “Julia, S.O.S”   - Giuliana Giannini o Giuliana Sardelli?)

 

Serra, serrante…..

le pecorine sante…..

il cocco del colombo…

Gesù ti ha messo al mondo…

con la ghirlanda in testa..

Gesù ti fa la festa….

la festa ed il festino…

Viva, viva, Gesù Bambino


 

 

 


 

La Ninna Nanna

(Gabriella Vannucci)

 

Dormi dormi piccolino,

e i tuoi sogni di bambini

ricchi sian di cose belle

mentre ti cullano le stelle

sogna di maghi e di fate

di avventure incantate che

nel regno fantasia

potrai viver con magia

le tue ore della nanna

siano dolci come panna

dormi dormi piccolino

sogna fino a domattina .

Nanna oh

(Gabriella Vannucci)

 

Nanna oh, nanna oh,

il mio bambino a chi lo do:

lo darò al suo angiolino

che lo tenga in sul mattino;

lo darò alla befana

che lo tenga una settimana.

Nanna oh, nanna oh,

lo darò al suo bambino

che lo tenga a se vicino ;

lo darò a Gesù e Maria

fai la nanna e così sia.

Nanna oh, nanna oh,

Nanna oh, nanna oh.


 

 

Ninna Nanna

(cantata dalla nonna di Rosanna Fenili)

 


 

Passa a cuccia cagnaccio nero

che questa bimba non te la do.

La voglio dare a Dio del cielo

Passa a cuccia cagnaccio nero.

Oh! Oh! Oh! Oh!

 

Questa bimba non te la do.

Passa a cuccia cagnaccio nero

che questa bimba non te la do.

La voglio dare alla Befana

che la tenga una settimana.

Oh! Oh! Oh! Oh!

Fai la ninna coscino di pollo

che stasera torna papà,

ha portato le scarpe alla bimba e gli zoccoli a mammà.

Oh! Oh! Oh! Oh!


 

 


 

E’ stato il vento

(riportata e spiegata da Ottimo Pioli che ne cita come fonte Gildo dei Fantardi)

 

E’ stato il vento

che ha buttato giù la canna

bimbo bimbo fai la nanna

che il tuo babbo vuol dormir

 

 

 

 

 

spiegazione di Ottimo:

Questa ninna nanna era cantata nella zona dell’Appennino Tosco Emiliano della provincia di Lucca e Reggio Emilia.  Come in molte filastrocche popolari il suo senso nascondeva un doppio senso: la canna appoggiata alla casa in posizione verticale era il segnale per l’amante della moglie che il marito era in casa, la canna poggiata a terra significava via libera. In questo caso la posizione a terra era stata causata dal vento, per cui il canto accorato della madre aveva il duplice scopo di ninna nanna e di avvertimento.      


 

Ninna Nanna del “Bambino Pellegrino”

(scritta da Simonetta Moroni e Franca Bianchi che annotano:

Questa filastrocca, nata per essere una ninna nanna, è diventata uno scherzo giocoso per ricordare il nostro cammino sulla  Via Francigena in territorio francese e svizzero, annus domini 2011).


 

 


 

Questa storia molto bella
assomiglia a una novella:
è la storia di un bambino
sempre in groppa al cavallino.

Rit. Cavallino arrò arrò
       prendi la biada che ti do,
       per andare sulla via,
       la più antica che ci sia!

Questa via parte di Francia
per finire in Terra Santa.
Sigerico gran Prelato,

per andare dal Papato,

la percorse trafelato…
e ogni tappa ci ha lasciato!

San Francesco già la fece,
pellegrin senza pretese,
Santa Verdiana lo imitò
e a Santiago si recò.

Si attraversan boschi e monti,
laghi, fiumi e tante fonti.
Non temere i lupi neri
che percorron altri sentieri!
E se incontri qualche zecca,
chiedi ausilio a Turchinetta!

 

Rit. Cavallino arrò arrò
       prendi la biada che ti do,
       per andare sulla via,
       la più antica che ci sia!

 

Stai ben attento piccolino

ai castelli sopra i monti!

Il brigante Birichino,

là ti aspetta col suo inchino!

 

Cra, cra, cra… cra, cra, cra…

le ranocchie eccole qua!

Un concerto rumoroso

per un bimbo assai gioioso.

 

Sogna, sogna mio piccino,

nei boschetti dei folletti,

dei guerrier Celti e Romani

che poi vengono alle mani.

 

Spade, clave e gran sgambetti,

sono tutti un po’ vecchietti,

ma la sera per mangiare,

smetton tutti di lottare.

Ad un tratto, olì olà,

ognuno in pace se ne va.

 

Corri-corri, salta e balla

per la strada dei giullari,

dei viatori, dei mercanti,

di briganti e saltimbanchi…

l’angioletto Serafino

sempre, sempre avrai vicino!

 

Rit. Cavallino arrò arrò
       prendi la biada che ti do,
       per andare sulla via,
       la più antica che ci sia!

 

Questa storia molto bella

che assomiglia a una novella,

è  la storia di noi tutti:

storia d’ogni pellegrino

che intraprende il gran cammino

        e nel cuor torna bambino.


 

 

 

Ninnananna della Valdelsa fiorentina

(riportata e spiegata da Laura Comi)

 

Dondo campana

è morta Verdiana

un sacco di ceci

venite lucchesi!

 


 

Spiegazione di Laura:

con questa ninnananna si vuole ricordare Santa Verdiana di Castelfiorentino.

Vissuta nel 1200, Santa Verdiana con questa ninnananna viene ricordata nei secoli.

A Castelfiorentino c’è un altarino e una chiesa, con museo di ricordi lasciati da Santa Verdiana.

Verdiana è una santa pellegrina, andò a piedi a Roma e a Santiago di Compostella.

Giunta a casa con i piedi consumati dai viaggi, Verdiana si fece costruire intorno una cappellina, lì visse gli ultimi anni; faceva camiciole a calza e in cambio riceveva viveri. Due serpi le chiedevano il cibo; quando Verdiana non aveva nulla, le serpi la picchiavano con la coda. Ma gli abitanti di Castelfiorentino inseguirono le serpi e ne uccisero una: il suo teschietto sta nel museo insieme con i ferri da calza e una statuina di Sant’Iacopo di Compostella.

Quando morì le campane suonarono da sole e un bambino che non sapeva parlare disse: ”E’ morta Verdiana”.

Spiegazione della ninna nanna:

Dondo campana   (la campana suonava da sola)

è morta Verdiana  (lo dice il bimbo piccino)

un sacco di ceci    (Verdiana dava tutto ai poveri e vuotò il sacco dei ceci: fu rimproverata e allora

 pregò per tutta la notte e il sacco si riempì)

venite Lucchesi!  (Ricorda l’esodo  dei lucchesi fuoriusciti per motivi politici nel medioevo,  trovarono ospitalità in Valdelsa, stimati e accettati da tutti.

A Collevaldelsa c’è la Torre dei Lucchesi accanto alla Torre di Arnolfo di Cambio)           


 

Buonanotte pellegrino

(Patrizia Malanca)

 

Buonanotte pellegrino, con la sveglia sul comodino,

con il buco nel calzino, buonanotte pellegrino.

 

Buonanotte pellegrino, che sia lieve il tuo cammino,

e non gelido il mattino, buonanotte pellegrino.

 

Sotto il sole, pioggia o vento non si rompa l’ombrellino,

della scarpa sull’asfalto non si scolli il solettino.

 

E se il piede è incerottato, il ginocchio un po’ ingrippato,

lo zainetto troppo peso e infinito il tuo cammino,….

…buonanotte pellegrino, dormi ben sin al mattino.

 

 

I testi delle ninne-nanne che seguono sono stati prelevati dal volumetto “Girotondo di filastrocche” edito da G.ED EDIZIONI che ne contiene molte altre ed inviateci da Mario Giugni

 

“FATE LA NANNA COSCINE DI POLLO”

 

Fate la nanna coscine di pollo

che la mamma vi ha fatto un gonnello

ve l’ha fatto con lo smerlo attorno

fate la nanna coscine di pollo.

            Ninna nanna, ninna o

            oh, bambino della mamma

            della mamma e di Gesù

            il bambino non piange più.

Fate la nanna begli occhi di sole

il letto è fatto di tutte le viole

e le coperte di panno sottile

fate la nanna begli occhi di sole.

            Ninna nanna, ninna o

            oh, bambino della mamma

            della mamma e di Gesù

            il bambino non piange più.

 


 

“NINNA NANNA, NINNA O”

 

Ninna nanna, ninna o,

 questo bimbo a chi lo do?

Lo darò alla Befana

che lo tiene una settimana;

lo darò all’uomo nero

che lo tiene un anno intero;

lo darò all’uomo bianco

che lo tiene finché è stanco;

lo darò al saggio folletto

che lo renda uomo perfetto!

 

“DORMI BIMBO FAI LA NANNA”

 

Dormi bimbo, fai la nanna

qui con te c’è la tua mamma,

dormi bimbo chiudi gli occhi

stan dormendo anche i balocchi,

dormi bimbo nel tuo letto

ti protegge un angioletto,

dormi bimbo fai buon sonno

ti protegge anche il tuo nonno,

dormi bimbo resta qua,

c’è la mamma e c’è il papà.

 

 

 

CONCORSO NOVELLA DEL PELLEGRINO

ANNO 2012

 

Per il terzo anno consecutivo abbiamo organizzato, in occasione del nostro pellegrinaggio di giugno, un concorso letterario tra i pellegrini partecipanti al pellegrinaggio stesso.
Quest’anno è stato prescelto come tema una novella o racconto sul pellegrino.
L’argomento ha tanto stuzzicato i partecipanti per cui abbiamo ottenuto 13 composizioni su cui la giuria del 2012 ha scelto le tre prime classificate.
I nostri pellegrini hanno apprezzato tutti i racconti per cui abbiamo deciso di pubblicarli tutti sul nostro sito e di aggiungere qualche nota esplicativa per gli eventuali lettori non addentro alla nostra vita e attività pellegrinare.

 

Poiché ci è stato sollecitato da più parti di dare alla stampa questa raccolta di racconti sui pellegrini, troveremmo conveniente che contribuissero con loro composizioni alla stesura di questa opera, tanti altri esponenti della nostra compagine de “I Pellegrini della Francigena”, che non hanno partecipato a quest’ultimo pellegrinaggio.

 

 

Le due facce di pietra

di Patrizia Malanca – 1° classificato

C’erano una volta due facce di pietra scolpite ai lati del portale di un’abbazia costruita in cima ad un monte. Una era la faccia di un giovane, l’altra quella di un vecchio.
La gente della valle sosteneva che esse potessero conoscere l’animo di chi passava sotto il portale e che qualche volta, se si intenerivano delle disgrazie e dei rovelli dei pellegrini, mettessero una parola buona con l’angelo che fronteggiava la madonna sul fìnestrone dell’altare.

Capitò che in una notte di bufera bussasse al portone dell’abbazia un vecchio pellegrino. L’aspetto era assai malmesso, aveva i vestiti zuppi e si reggeva a stento sul bordone. Al suo passaggio sotto il portale, le due facce si scambiarono i commenti, il giovane disse:”Che vecchio scriteriato! Salire su di notte e con questa bufera! Non poteva aspettare  domattina?”. Ma di fronte a lui l’altra faccia obbiettò sentendosi solidale con l’età del malcapitato: “Si vede che ha una  grande fede e poi i vecchi non hanno tempo da perdere!”.

L’indomani arrivarono all’abbazia, ma ognuno per suo conto, anche una giovane donna con il figlio appena nato in braccio e un ricco e baldo giovane in sella al suo cavallo. Anzi, lungo la salita l’uomo gridò sprezzantemente:”largo!” a quella pezzente che gli ostruiva il passo.

Arrivato in cima le due facce come al solito lessero cosa covava nel suo animo: “Eccolo lì il figlio del conte della piana, il padre l’ha mandato fin quassù perché di qui passerà il papa che va a Roma, eccolo lì arrabbiato per questa faticata, seccato di non poter restare a gozzovigliare con i suoi amici!”,” E questa qui? Quel povero bimbo denutrito e senza un padre che badi a loro! Bisognerà proprio chiedere all’angelo che convinca i monaci a non farli più andar via”.

Così passò un’altra notte, le due facce di pietra parlarono con l’angelo del finestrone, il quale a sua volta intercesse con la madonna che aveva proprio di fronte.

Il mattino dopo di buon ora tre persone lasciavano l’abbazia tornando verso la vallata. Chi erano?

Erano il giovane nobile che camminava tenendo il cavallo per le redini, sopra il cavallo c’erano la donna rivestita di begli abiti, col bimbo risanato in braccio.

E il vecchio pellegrino? E il papa?

Beh, ma è ovvio! Erano la stessa persona. Rimase un altro giorno all’abbazia per ringraziare la madonna di aver mutato l’animo del giovane e dato un futuro sereno alla donna ed a suo figlio e poi si rimise in cammino verso Roma .… con i suoi abiti malandati, il bordone e la scarsella.

 

Nota esplicativa:

L’abbazia di cui si fa menzione è in realtà la Sacra di San Michele. Il viso di pietra del vecchio esiste tuttora, mentre la scultura del viso del giovane è stata trafugata anni fa, ma è poi ricomparsa, pare in seguito ad un rimorso di coscienza di chi l’aveva rubata, ed ora è conservata dai frati dell’abbazia in attesa di essere ricollocata al suo posto. Anche l’angelo e la madonna stanno realmente ai lati del finestrone dell’altare ….. ma certo tutto ciò che riguarda eventuali loro dialoghi notturni è frutto della fantasia dell’autrice.

 

 

 

Coordinate 31°47’N – 35°13’E

di Nando Visione - 2° classificato

C’era una volta una città, il suo nome era Gerusalemme. Era stata una città del pianeta Terra, uno dei tanti del sistema solare. Era lì che il Pellegrino si stava dirigendo a bordo di una vecchia astronave che pilotava procedendo con andatura lenta. La velocità era di circa tre miglia astrali, molto bassa se paragonata alle prestazioni fornite dai mezzi che normalmente solcavano quei spazi interplanetari. Ma al Pellegrino andava bene così; anzi così aveva voluto. Era infatti sua intenzione percorrere la distanza che separava la sua galassia dal pianeta Terra in 15 lunghi giorni galattici: così facendo avrebbe rispettato lo stesso tempo utilizzato e narrato in quello strano libretto che aveva già letto e riletto più volte.

Tutto era cominciato per caso quando aveva avuto l’incarico, in quanto archeologo, di studiare e valutare i pochi elementi storici cui si faceva riferimento in quello strano documento che era stato catalogato con il protocollo: AZ19 – Il diario dei Pellegrini della Via Francigena.

La vicenda narrata era quella di uno strano ed eterogeneo gruppo di terrestri che avevano in comune, forse, solo la voglia di uscire dai loro giorni per intraprendere un lento cammino a piedi che li avrebbe portati in un territorio a loro lontano e lì cercare chi sa cosa. I riferimenti storici erano pochi e confusi, non si sapeva neanche quale nome attribuire a quei territori: qualcuno li identificava con il nome di “Israele”, altri sostenevano “Palestina”. Di certo si sapeva che una lunga guerra, mai risolta, era stata combattuta da quelle popolazioni e nulla si era mai saputo circa la fine di quel contendere.

L’archeologo era rimasto talmente affascinato dalla storia di quel pellegrinaggio, che anche lui aveva voluto indossare le immaginarie vesti di pellegrino e tentare di raggiungere, con un lento viaggio, la stessa meta “Gerusalemme”. Nel documento la città veniva descritta dai terrestri in tanti modi diversi ma tutti esaltanti: affascinante, unica, mistica, il centro del mondo, la radice della vita, la culla delle religioni ed ancora altre.

Inoltre, era stata il palcoscenico di una grande storia vissuta da un uomo chiamato Gesù il quale aveva diffuso sulla terra una tale forza spirituale in grado di cambiare la vita su quel pianeta.

Nella sua galassia, il Pellegrino aveva avuto, dai potenti sistemi informatici, tutte le risposte scientifiche e razionali possibili alle sue domande in merito; ma lui non era rimasto soddisfatto. Non gli era bastato e per questo aveva deciso di vivere una esperienza simile a quella narrata da quei strani pellegrini umani. Voleva vedere cosa era rimasto di quella città sul pianeta terra.

L’astronave entrò nel sistema solare. Procedeva lentamente, circa tre miglia astrali per ora stellare ed era giunta esattamente al 15° giorno galattico di navigazione quando gli strumenti segnalarono l’avvicinamento al pianeta Terra.

Il Pellegrino cominciò a vederlo anche ad occhio nudo e, mano mano che si avvicinava, iniziava anche a distinguere i colori che lo contornavano: l’azzurro, il bianco ma poi anche il verde e il marrone. Bei colori di un bel pianeta che non sembrava essere abbandonato e privo di vita.

Inserì le coordinate terrestri della sua meta nello strumento di navigazione: subito l’astronave virò e puntò giù dirigendosi verso uno strano punto da cui si innalzava un grande fascio luce bianca.

I suoi occhi non riuscivano più a vedere: l’astronave lentamente entrò in quella luce e per il Pellegrino non fu più il silenzio.

Corallino il pellegrino

di Grazia Giannini – 3° classificato a pari merito con Lia Luchi

C’era una volta un serpentello di nome Corallino.
Aveva due occhietti vivaci, una codina birichina ed era colorato con tutti i colori dell’arcobaleno, ma per una strana mutazione aveva la pelle nuda.
Egli non si preoccupava di ciò, anche se il sole gli scottava la pelle e si feriva strusciando su sassi aguzzi e legni appuntiti.
Corallino era allegro e felice con la sua mamma, i fratellini e gli amici e, pur appartenendo a una specie velenosa, raramente adoperava il suo veleno per uccidere i piccoli animali del bosco in cui viveva, ma era ghiotto del miele delle api e dei frutti succosi che cadevano dagli alberi.
Un giorno, mentre giocava con il suo amico Cip-Ciop, udì una strana parola che lo aveva molto incuriosito e meravigliato.
La parola era “pellegrino”.
La sera, alla mamma, che era andata a dargli il bacino della buonanotte, aveva chiesto: “Mamma io sono un pellegrino?”  La mamma gli rispose di no e che lui era il più bel serpentello del mondo.
Ma Corallino era rimasto così incuriosito e affascinato da quel mistero da perdere l’appetito e la voglia di giocare.
Infine un giorno verso le cinque della mattina si mise lo zaino in spalla con poche cose e un po’ di cibo, scrisse un biglietto alla mamma dicendole che le voleva bene e che andava alla ricerca del “pellegrino”.
Corallini strisciava e strisciava nel bosco. Le erbe taglienti e i sassi lo ferivano e il sole, quando riusciva a filtrare dai rami degli alberi gli seccava la pelle, anche se la sua amica chiocciolina cercava di proteggerlo con la sua bava.
Un giorno vide, in un sentiero nel bosco, un uomo, con un lungo bastone alla cui sommità era una bellissima conchiglia, che camminava a passo svelto e, come per magia, capì che quello era “il pellegrino” che andava cercando.
Corallino gli si avvicinò timidamente con i suoi occhi dolci e pieni di attesa nella speranza di poter diventare suo amico e così fu.
Il pellegrino lo invitò ad arrotolarsi sul suo bastone e gli parlò del suo lungo camminare, pei luoghi che aveva visitato, delle persone che aveva incontrato e della meta del suo viaggio.
Corallino lo ascoltava affascinato e sempre più desideroso di raggiungere con lui la città sconosciuta dove viveva un uomo buono, vestito di bianco, che amava tutte le creature compresi i serpentelli. Così non si staccò più dal bastone del suo amico anche quando il sole era così caldo e l’aria così secca da farlo diventare sempre più sottile e trasparente, tanto che un giorno di lui rimasero soltanto i bellissimi colori.
Il pellegrino finalmente giunse nella grande città, in una piazza immensa, e sollevò in alto il bastone dai meravigliosi colori per ricordare il suo amico e il suo grande sogno e, come per miracolo, apparve nel cielo il più meraviglioso degli arcobaleni.

Un re pellegrino

di Lia Luchi - 3° classificato a pari merito con Grazia Giannini

C’era una volta ….. un re che abitava in un magnifico castello turrito costruito su un’altura che dominava un regno vasto e popoloso.
Era un re magnanimo e generoso con i propri sudditi, ma, pur essendo ricco e potente, non era felice perché si sentiva solo e isolato dalla sua gente, ma soprattutto, ad accrescere la sua tristezza e quella dell’amata regina c’era il fatto che la sua età cominciava ad essere avanzata e non aveva eredi che gli succedessero sul trono.
Un giorno al castello si presentò un mago che, vestito con vesti lacere e sporche, mendicava ospitalità.  Questo mago era un burlone e amava mettere alla prova i potenti di questo mondo per saggiarne pregi e difetti.
Nonostante il suo aspetto misero il re lo ospitò dimostrandosi generoso e buono.
Il mago volle contraccambiare chiedendo al re quale fosse il suo desiderio più grande e questi, con tristezza, gli rispose che la mancanza di un erede al trono lo angustiava profondamente.
Ebbene, disse il mago, ti voglio accontentare, ma prima voglio accertarmi se anche i tuoi sudditi sono generosi come il loro re, e quindi degni di un erede al trono.
Perciò ti devi trasformare in un mendico lacero e sporco come ero io quando mi sono presentato al tuo cospetto e devi andare a bussare alla porta dei tuoi sudditi. Se risponderanno generosamente io darò a te, e a loro l’erede al trono.
Il re indossò un abito stracciato, si avvolse in un mantello rattoppato, calzò sandali sfondati e si fornì di un lungo bordone. Vestito da umilissimo pellegrino il re si presentò alla porta dei propri sudditi.
Era dura la vita da pellegrino, specialmente per uno come lui abituato al lusso e agli agi, ma era felice perché ovunque andasse trovava una calda accoglienza.
Si sentiva vicino al proprio popolo e si rese conto che un buon governo porta sempre buoni frutti e la bontà genera spesso bontà.
Dopo alcuni mesi di pellegrinaggio il re tornò al suo castello e presto ebbe la gioia di vedere realizzato il sogno di un erede.
Portò sempre nel cuore la splendida esperienza di pellegrino e …. tutti vissero felici e contenti!

 

Matilda la pellegrina

di Silvana Cuzzocrea

Matilda era una una bimbetta che cresceva in campagna e amava molto la natura ma più di tutto amava la libertà.
Crescendo sentiva che questa sua passione diventava sempre più impellente; allora cominciò ad andare fuori casa e si inoltrò nel paese vicino, poi andò in città, dopo pensò ancora di andare nella capitale, e come un pellegrino cominciò a vagare senza tregua e il desiderio di libertà non si tacitava.
Allora cambiò nazione, vide usi e costumi diversi, non capiva di avere questo grande dono che era l’amore, lei voleva la libertà.
Cambio continente e poi cominciò a pensare di cambiare mondo, andò sulla Luna, su Marte, forse in un’altra galassia, esplorò l’universo.
Era ormai vecchia, nella sua vita non si era mai fermata, ne aveva mai guardato indietro.
Quando era ormai esausta, si fermò un momento. Bastò quell’attimo di sosta, bastò quell’attimo che gli permise di fermare il suo pensiero ed il miracolo fu compiuto.
Lei riuscì a trovare la sua libertà. Era lì con lei.
Era sempre stata nel suo cuore, anche se aveva consumato la sua vita e le sue scarpe per il gran peregrinare.
Fu immensamente ripagata.

Massima di Sant’Agostino (stranamente letta dopo aver scritto la favola):
“Le persone provano un così grande stupore per l’altezza delle montagne, la vastità dell’oceano, il moto delle stelle, ma passano accanto a se stesse senza meravigliarsi.

 

UNA NOTTE DA … RICORDARE

di Mario Giugni

            C’era una volta un pellegrino, si chiamava Mario, e da dodici anni seguiva, passo più, passo meno, un nutrito gruppo di altri suoi simili.
            Questa volta gli era stato associato, come compagno di stanza, Dino una persona con cui si era trovato subito bene. Insieme formavano una coppia particolare: il primo di poche parole (questo era il suo carattere, “schivo” per natura) l’altro parlava ancora meno vuoi perché con un carattere ancora più schivo, vuoi perché sordo.
            Dalla loro camera non proveniva alcun rumore oppure, al contrario, si udivano parole pronunciate con toni alti (l’uno doveva farsi capire dall’altro ed era cosa ardua perché, quando era in camera, Dino si toglieva l’apparecchio).
            A Tortona si ritrovarono insieme in una camera immensa con quattro letti, un terrazzo ed un caldo infernale come ebbe modo di constatare Mario al rientro , dopo cena, da una passeggiata fatta in centro in compagnia (fatto incredibile) di ben otto pellegrine.
            Si era messo a letto.
            Di quando in quando accendeva la pila per vedere l’ora ma il tempo passava lentamente ed il sonno tardava ad arrivare complice il caldo ed anche i rumori che provenivano da Dino.
            In questa veglia gli tornarono alla mente le parole del “Capo”: “alle cinque e trenta tutti sul pullman”.
            Doveva trovare il modo di dormire un po’.
            Per rinfrescarsi era uscito sul terrazzo. Qui era una goduria. Una brezza fresca, piacevole oltremodo, invitava a rimanere lì. Ah poter dormire lì.
            Una breve visita, pila alla mano, al contenuto dell’armadio ed il problema si era subito risolto. Dopo pochi minuti si era ritrovato disteso su due coperte poggiate sul pavimento del terrazzo a guardare le stelle che luccicavano, insieme alle luci intermittenti di un aereo, nello spicchio di cielo che si lasciava vedere oltre la tenda.
            Era piacevole, non c’era dubbio. ma … il sonno? Niente!
            I rumori della città, col passare delle ore, si andavano attutendo ma gli occhi continuavano a guardare le stelle.
            A un tratto un fruscio di ciabatte arrivò dalla camera seguito dall’accendersi di una luce sotto la porta del bagno.
            Era Dino che andava in bagno e che sarebbe tornato  a letto subito dopo.
E se questa volta, preso anche lui dal caldo, fosse venuto a rinfrescarsi sul terrazzo?
            Oddio che fare?
I piedi rimanevano davanti la porta e lui, al buio, non li avrebbe visti, ci avrebbe inciampato e …. Meglio non pensare ai moccoli che avrebbe detto nel finire lungo e disteso sul pavimento del terrazzo (ma Dino bestemmiava? Non lo aveva notato).
Ma c’era la pila che teneva in mano a suggerirgli la soluzione. Bastava un breve lampo per segnalare la sua presenza.
Già, ma come avrebbe reagito al vedere una luce accendersi improvvisamente ed illuminare un corpo disteso sul pavimento?
            Vuoi vedere che gli prende un “colpo” o gli urli avrebbero svegliato tutti gli ospiti dell’edificio?
La luce sotto la porta del bagno si spegne. Il fruscio delle ciabatte si ripete ma senza avvicinarsi al terrazzo. Dino ha deciso di tornare a letto. Meglio così!
            Un alone di luce verso la sveglia posta sul pavimento del terrazzo accanto al cuscino gli indica un’ora in cui tutti dormono. Tutti tranne lui. E domani dovrà guidare gli altri su strade che non ha mai visto. Chiede aiuto a Morfeo ma probabilmente anche lui sta dormendo.
Poi gli tornano a mente le parole-ultimatum di Alfredo (altro pellegrino, ma quanti pellegrini ci sono in questa storia?) in merito ad una certa … favola.
Decide su due piedi, ansi stando supino. Andrà a scrivere qualcosa.
In breve con la pila in mano, che va esaurendosi, rintraccia un foglio ed una biro e si ritira nello “studio” per non svegliare Dino che continua a rumoreggiare tranquillo.
Seduto sul sedile del vaso in un bagno che è una sauna finisce di passare una notte da … “ricordare”.
Quando torna sul terrazzo e guarda il cielo nota che le stelle stanno scomparendo sostituite da un alone di luce che, ad est, si fa pian piano più intenso.                                                             

                                                            Abate aquilante dei pellegrini misericordiosi

                                                           Priore dell’Abbazia di San Miniato però … Basso

 

Pellegrino Eraldo di Giacomo

di Renzo Malanca

C’era una volta un signore di nome Eraldo di Giacomo che viveva a Fornovo non lontano dal fiume Taro. Era nato nell’Anno Domini 1270 ed avendo inclinazione per la vita clericale aveva frequentato gli studi a S. Donnino, ma crescendo, ed avvertendo frequenti pruriti per il cosiddetto sesso debole, si era dedicato agli studi scientifici ed era diventato quello che si può ora chiamare un ingegnere edile.
Avendo acquisito una certa professionalità nel campo, veniva impiegato abbastanza spesso nella direzione dei lavori di ripristino del lungo ponte in legno che attraversava il Taro e che spesso riportava danni gravi alle strutture durante i nubifragi primaverili.
Il ponte era gestito dalla dipendenza locale dei Frati Ospitalieri del Tau di Altopascio, esperti nella manutenzione di ponti, così come nella cura e assistenza ai pellegrini che si muovevano lungo la Francigena.
Quando papa Bonifacio VIII, nel Natale del 1299, dichiarò Santo il 1300 ed istituì il primo Anno Giubilare, si creò un flusso veramente enorme di pellegrini che giungendo a Roma, contribuirono pure a rimpinguare le Casse del Papato prosciugate dalle tante guerre e guerrette scatenate dal papa contro le fazioni nemiche che attentavano al suo trono.
Eraldo decise di partecipare al pellegrinaggio sia come fervente credente che per vedere la Casa Madre del Tau di Altopascio.
Partì da Fornovo dopo la metà di Aprile, subito dopo Pasqua, sperando di incontrare un tempo meno inclemente. Ma gli si parò subito davanti  la montagna più alta del suo cammino che mise a dura prova il nostro pellegrino. Era il Monte Bardone che per varie miglia risultò ancora coperto di neve: per fortuna la neve era abbastanza battuta dai pellegrini passati numerosi prima di lui per cui dopo 5 giorni con sollievo si trovò a scendere per la Tuscia. Finita la neve, dopo un'altra settimana giunse a Lucca e poté inchinarsi a pregare davanti al famoso e venerato Volto Santo e giunto ad Altopascio fu accolto con deferenza dal Gran Maestro dei Cavalieri del Tau che conosceva l’opera svolta da Eraldo al ponte di Fornovo.
Partì da Altopscio ben rifocillato ed accudito e subito si imbattè nelle boscaglie intricate delle Cerbaie e giusto grazie alla sua forza giovanile e all’acuminato bordone, riuscì a tenere a bada alcuni lupi affamati che avevano tentato di assalirlo. Dopo 4 ore di cammino giunse ad una locanda chiamata Mulin del Topo, proprio a cavallo di un fiumiciattolo che alimentava la macina del grano. Aveva già un discreto appetito e l’ostessa prosperosa che gli si parò davanti contribuì ad aumentarlo, stuzzicando pure altri suoi appetiti. Per farla breve passò la notte e la mattina successiva al Mulin del Topo ed apprezzò tutte le specialità offerte dalla casa.
Il resto del pellegrinaggio verso Roma si svolse abbastanza  tranquillamente in una quindicina di giorni, in compagnia di altri pellegrini. Pregò sulla tomba degli apostoli Pietro e Paolo anche se gli succedeva di pensare spesso alla ostessa del Mulin del Topo. Purtroppo cominciò pure a sentire dei fastidiosi doloretti al basso ventre e la seccatura era che non accennavano a passare anzi gli creavano pene sempre più intense.
Decise perciò di anticipare la partenza verso casa, ma le tappe verso il Nord diventarono per lui una sofferenza sempre maggiore. Giunto finalmente al Mulin del Topo fu accolto con calore dall’ostessa che accortasi del suo stato deplorevole non poté che somministrargli un brodino, a suo dire miracoloso ed un impacco di un unguento appiccicoso spalmato sulle sue parti basse.
Ma lui volle partire il più presto verso Altopascio dove sperava di giunger prima di sera confidando di avere sollievo dalle cure miracolose dei Frati del Tau.
Giunto ad appena un miglio dal famoso Hospitale fu purtroppo assalito da due briganti che, profittando del suo stato debilitato, lo espropriarono di ogni suo bene, dandogli in più un sacco di legnate. Rimasto solo e dolorante a fatica riuscì ad alzarsi e giungere dai frati con l’aiuto provvidenziale dei tocchi della Smarrita, quando già aveva fatto buio nei boschi delle Cerbaie.
I Frati del Tau fecero del loro meglio per curare questo ospite di riguardo già tanto debilitato e cosparso di numerose ferite.
Dopo due giorni decedeva miseramente e veniva pietosamente seppellito nel cimitero locale.
Purtroppo il Gran Maestro dell’Ordine del Tau non poté far altro che inviare un altro valido fabbriciere al Ponte sul Taro di Fornovo.
Questa era la vita rischiosa dei pellegrini medioevali.

 

Nota esplicativa:

Il pellegrino Eraldo di Giacomo è un personaggio frutto della fantasia dell’autore mentre i luoghi e gli avvenimenti storici raccontati sono realmente esistiti.

 

Pellegrini con le ali

di Aldo Mencarini

   C’era una volta un gruppo di uomini e di donne che, non sapendo cosa fare, decisero di fare i pellegrini. Misero negli zaini il minimo indispensabile, indossarono una maglietta azzurra e  cominciarono a camminare per strade trafficatissime, rischiando ad ogni momento di finire sotto un camion, ma poi col tempo impararono anche ad andare per colline e praterie.

   Alla fine di una giornata faticosa, in un bosco, all’imbrunire, incontrarono San Francesco e lo riconobbero subito perché tutti lo avevano già visto rappresentato nei dipinti o nelle figure dei libri, ma anche perché ognuno San Francesco se lo porta con sé.

   “Chi siete e cosa fate?” chiese San Francesco e tutti insieme risposero:  “Siamo pellegrini; camminiamo, ma non sappiamo dove arrivare, né cosa stiamo cercando e la sera quando ci fermiamo siamo tanto stanchi”.  Allora San Francesco disse: “Non è importante arrivare. La cosa veramente importante è mettersi in cammino e se non foste mai partiti da casa non mi avreste mai trovato. Poi se la sera siete stanchi provate a lasciare dietro di voi tutto quello che non vi serve: pensieri inutili, idee pesanti, false preoccupazioni.”

   I pellegrini ringraziarono e San Francesco li benedisse.  Da quel momento cominciarono a buttar via dalla loro testa: pensieri, idee, preoccupazioni, che appena toccavano terra si trasformavano in foglie e il vento le portava via. Così continuavano a camminare e mentre camminavano parlavano, ridevano, cantavano, litigavano, alcuni dicevano il rosario, altri raccontavano storie e qualcuno si infrascava per fare pipì.

   Col passare del tempo diventavano sempre più leggeri, così leggeri che ogni tanto qualcuno scompariva; però i pellegrini che scomparivano, non scomparivano veramente, ma si ritrovavano tutti su di una stella, a nord, verso la stella polare. Non avevano più le magliette, ma un vestitino celeste che arrivava fino ai piedi, con due buchi sulle spalle per far uscire le ali. E siccome non sapevano cosa fare decisero di mettersi in cammino per raggiungere una nuova stella e da lì sarebbero passati ad un’altra e poi ad un’altra ancora.

   Camminavano nel cielo trasparente e mentre camminavano parlavano, ridevano,  cantavano, litigavano e i primi arrivati aspettavano gli altri prima di ripartire. Ogni tanto qualche pellegrino leggero li raggiungeva dalla terra per camminare con loro.

 

Nota esplicativa:

Aldo ha composto questo racconto, particolarmente apprezzato da tutti i pellegrini, nei giorni immediatamente precedenti alla morte del nostro pellegrino Giuseppe che per un improvviso male incurabile non ha potuto partecipare al pellegrinaggio.
Il testo del racconto è stato donato alla vedova Maria quando, al termine del pellegrinaggio, tutti i pellegrini sono passati da Firenze a dire una preghiera sulla tomba di Giuseppe.

 

Pimpinella pellegrina

di Liliana Modena

C’era una volta una bambina che ogni giorno saltellava felice cantando sulle mura della sua città.
Un giorno la sua mamma la pregò di andare a trovare la nonna che abitava lontano (una donnina alta, magra, bionda con i capelli a spazzola): “Però attenta, potresti fare brutti incontri!”
La bambina partì felice, salutando i suoi tre amici: un pavone (Paolo), un elefante (Egisto), e una lucciola (Lucia).
Trotterellando, vide un gruppo di lupacchiotti pellegrini un po’ spelacchiati, ma sembravano ancora tutti cuccioli.
Nel suo pellegrinare incontrò anche il lupo capo branco: “Pimpinella non correre!”
Povera bambina! Spesso era cazziata per questo.
Poi scoprì che c’era un pellegrino piccolo che aveva sempre stretto nelle sue mani un giocattolo.
La bambina gli stava sempre vicino, ed aspirava tanto ad averlo e gli diceva spesso: “Lascia giocare un po’ anche me!”

Pian piano sono diventati amici e le ha ceduto il giocattolo.

Pimpinella pellegrina, felice, non è mai arrivata dalla nonna: corre felice per i boschi insieme a tutti i lupacchiotti pellegrini.

 

Nota esplicativa:
-  il lupo capo branco è, molto probabilmente, il capo dei pellegrini che spesso, nel passato, ha cazziato
   Pimpinella per la sua irruenza e mania di correre, distanziando i pellegrini.
-  il pellegrino piccolo è Dino che, negli anni scorsi, teneva stretto nelle sue mani il suo giocattolo, lo
   stendardo che non voleva cedere a nessuno.
   Poi Pimpinella è riuscita ad ottenere il giocattolo e sono diventati tanto amici.

 

Breve storia di una pellegrina

di Simonetta Moroni

C'era una volta una pellegrina
che fin da bambina
sognava di poter camminare
e tanti luoghi visitare.

Degli amici infine incontrò
e con loro il suo sogno realizzò.
Cominciò dalla Terra Santa,
un po’ smarrita e un po’ stanca.

Ad ogni tappa qualcosa dimenticava
che poi, meno male, ritrovava.
Fu un'esperienza meravigliosa,
più importante di ogni altra cosa.

Dopo qualche tempo attraversò
la Francia, la Svizzera e il Gran San Bernardo,
sempre ridendo e sempre scherzando.

In questo anno ha intrapreso
la via piemontese
da Novalesa e Susa
fino alla Sacra di S. Michele,
tra voli di rondini ad ali tese.

Dalle montagne al piano scese
fino a Torino con i suoi tesori
di quadri, chiese e palazzi
con una schiera di compagni
simpatici ed un po’ pazzi.

Si arrivò poi nel Monferrato
con tante colline da ogni lato,
con le colture del grano e delle viti
che tanti fanno lieti e felici.

A Crea, sotto un manto azzurro
e le stelle si passò la notte
a ridere a crepapelle.

Dopo Tortona ed i miracoli di Don Orione
si è giunti a Bobbio
al grande ponte
al confine della regione.

Il prossimo anno, a Dio piacendo,
l'esperienza sarà continuata.
La pellegrina riprenderà la strada
dell'incontro con gli altri
insieme all'allegra brigata.

 

Pellegrina tartarughina

di Elvira Particelli

C’era una volta l’Anno Santo 2000 e c’era una volta l’inizio della nostra storia.
Un giorno siamo partiti a piedi, in tanti; ci dividevano e ci univano insieme, spirito di avventura, fede ed abitudini; pochi di noi conoscevano la persona che gli camminava accanto, ma a tutti è subito saltato agli occhi uno zaino enorme che avanzava con due gambette ed una testolina, che spuntavano sopra e sotto: sembrava una tartaruga!
E lei peregrinava in silenzio, sempre discreta e attenta.
Prima dell’alba, al buio, potenziava i muscoletti con disciplina militare, e come una sveglia astro-ungarica, con i “cri-cri” dei sacchetti che riponeva nello zaino, svegliava tutta la camerata.
Lei sempre in attesa e mai attesa.
Poi siamo tutti quanti cresciuti negli anni e calati nelle forze e la nostra tartarughina andava sempre più piano, ed il suo carapace si è ridotto con le forze.
I pellegrinaggi sono andati avanti, le forze indietro, ma la volontà ed il desiderio di essere dei nostri non l’hanno mai abbandonata, finché è partita da sola per il pellegrinaggio celeste.
C’era una volta Anna ed ora è rimasto il suo ricordo.

 

Un pellegrino del cielo che amava la terra

di Giuseppina Salvadori

C’era una volta un uomo con la sua bella divisa blu, ornata di fregi d’oro che trasportava qua e là per il mondo, attraverso le vie del cielo, innumerevoli moderni pellegrini di questa terra.
Gente frettolosa che non aveva tempo e forse neanche voglia di guardarsi attorno e di fermarsi un po’. Anche se il suo lavoro lo gratificava molto, arrivò l’ora della pensione e con grande sorpresa di chi lo conosceva bene, non fu preso dallo sconforto che solitamente pervade chi lascia un’attività di lavoro tanto amata.
Fu così che un bel giorno, il pellegrino del cielo decise di trasformarsi in pellegrino di terra.
Attaccò al chiodo il suo bell’abito blu e indossò un paio di calzoncini maglietta e scarpe da ginnastica e mai come in quel momento si sentì libero e felice. Aveva trovato il suo cielo in terra.
Della prima parte della sua vita, aveva conservato la gioia dell’incontro con gli altri e la grinta del comando, fondamento del suo lavoro.
Decise allora di mettere queste sue doti al servizio di un numeroso gruppo di pellegrini, che nel lontano 2000 vollero onorare il Giubileo andando da Lucca a Roma a piedi. Non si sa come fece a convincerli; sta di fatto che dopo un anno di preparazione, il condottiero pellegrino col suo esercito, munito di zaino e vistosi bastoni, partì alla volta di Roma.
Era un giugno a dir poco cocente, le prime tappe provocarono una vera ecatombe. Non si contavano più i colpi di sole, le piaghe ai piedi, la sete, i chilometri che spesso, a detta dei pellegrini, erano misurati con il metro del capo. Cominciarono così i primi malumori dettati per lo più da stanchezza e si formarono due fazioni all’interno di questo improvvisato reggimento.
C’erano i saccopelisti chiamati “peluche” che si sentivano i machi della situazione, per il loro vivere in maniera più precaria facendo pesare ai cosiddetti “mezza-porzione” il fatto che pur faticando come loro, la sera avevano un letto più o meno comodo ed una doccia sicura.
Il capo alternava momenti in cui malediceva il giorno della sua insana idea ad altri di euforia specie quando incontravano gente che apprezzava il loro cammino e andava loro incontro con bottiglie piene d’acqua e parole di incoraggiamento. Man mano che procedevano però, attraverso mille difficoltà, lo sfottersi, il pregare, il raccontarsi gli uni gli altri fraternamente, diventò il filo conduttore del loro viaggio. Il pellegrino condottiero sentiva il peso sempre più grande sulle sue spalle e la notte dormiva poco. Il suo umore passava dal depresso all’incazzato e quel povero parafulmine in odore di santità che divideva la vita e la camera con lui, cercava di ammortizzare i colpi dei suoi sfoghi come meglio poteva.
Però, un bel giorno, quasi all’improvviso dall’alto di Monte Mario, si stagliò davanti ai loro occhi, come per miracolo, l’immagine della città di Roma, avvolta in una luce indimenticabile e quella enorme cupola non era un miraggio, era proprio là e li aspettava a braccia aperte come volesse consolare e cancellare ogni cruccio e fatica.
Stranamente la stanchezza sembrava svanita. Quella che per giorni era sembrata un’armata Brancaleone, con grande gioia e stupore del capo, diventò quello che lui aveva sognato dal primo momento. I “suoi” pellegrini, come lui li chiamava, avevano messo non solo la maglietta celeste come il cielo, ma anche le ali ai piedi, quelle ali che lui ben conosceva e che un tempo avevano fatto parte della sua vita.
Non provò rimpianto per quelle perché nel frattempo queste si erano moltiplicate ai piedi di tutti coloro che quel 16 Giugno di dodici anni fa planarono con lui su Piazza San Pietro, il più affollato aeroporto del mondo e l’azzurro di quelle magliette si fuse con l’azzurro del cielo.

 

Il Pellegrino Anonis

di Simonetta Simonatti

C’era una volta un vecchio pellegrino, di nome Anonis.
Partito in gioventù dai lontani paesi dell’Oriente, aveva camminato a lungo in tutto il mondo, instancabile e curioso. Aveva visto tante cose, ma tutto l’interessava.
Aveva incontrato tante persone, ma ogni essere che avvicinava destava la sua attenzione.
Un giorno, scendendo dalle montagne per raggiungere il grande fiume che lo avrebbe riportato verso le sue terre, vide su una cima una costruzione ardita e decise di raggiungerla.
La strada stretta, ripida, a tornanti ravvicinati, era molto faticosa tanto che il vecchio Anonis capì subito che, da solo, non ce l’avrebbe fatta.
Allora pregò così: “Aiutami, Signore, se è tua volontà che io salga” e continuò con passo sempre più malfermo.
Alla svolta successiva si trovò davanti un giovane bellissimo con una massa di riccioli d’oro, occhi azzurri intensi e un gran sorriso contagioso. “Sono Maicol” si presentò.
“Ti aspettavo per salire con te”. Poi lo prese sottobraccio e cominciò a camminare con lui.
E mentre salivano, lo sosteneva con tanta cura e tanta sollecitudine che il vecchio si sentì rincuorato e consolato – non solo, ma ogni volta che il suo piede stanco esitava e vacillava, il giovane lo sorreggeva abbracciandolo.
Giunti sulla cima del monte, ai piedi di una costruzione straordinaria, che toccava il cielo, il vecchio col cuore pieno di gioia e gratitudine, si volse al suo compagno di viaggio per ringraziarlo, ma questo, senza una parola, gli diede un’ultima grande stretta e in un attimo si dileguò.
Il vecchio pellegrino, stupefatto, si fece persuaso, allora, di aver fatto un incontro straordinario, di aver avuto un compagno di viaggio veramente eccezionale …… e se ne rese conto appieno solo l’indomani quando, per offrire qualche moneta ai due frati dai nomi strani (Femore Disastrato e Cima Tempestosa) che gli avevano dato ospitalità, scoprì che l’angelico compagno di strada bello e biondo lo aveva “diabolicamente” alleggerito di ogni suo avere!

 

 

 


 

 

 

LIBRI

 

L’Associazione de “I Pellegrini della Francigena” quando, tra due anni avrà completato i pellegrinaggio sull’intera Francigena da Canterbury a Gerusalemme, prevede di stampare una propria opera che descriva l’impresa a piedi di 50 e più persone su un percorso di oltre 2700 km.

Attualmente ha prodotto un libercolo di 64 pagine che raccoglie il “Diario dei pellegrini” che raccontano l’esperienza e l’emozioni vissute da 51 di loro, nei 19 giorni in cui nel 2008 hanno percorso l’intera Palestina da S. Giovanni d’Acri a Gerusalemme.

 

Segnaliamo altresì un’opera particolarmente significativa “Santiago di Compostela – Oltre e tutto” scritta da Jean Charles Leroy, priore dell’Abbazia di Sant’Antimo.

Per noi pellegrini che abbiamo già fatto il Camino di Santiago o che prevediamo di effettuarlo, visto che rappresenta il pellegrinaggio per antonomasia, è questo uno scritto composto da una persona di fede che ha vissuto intensamente questa esperienza, cogliendo momenti di alta spiritualità.

L’opera presenta una grafica molto gradevole e tante bellissime immagini del Camino; è stata stampata nel 2006 a Siena dalle Edizioni Cantagalli e si può trovare nelle principali librerie o direttamente all’Abbazia di Sant’Antimo.